lunedì 20 giugno 2016

La meraviglia

Iscriviti a "Classe mista" per ricevere gli aggiornamenti

È del poeta il fin la meraviglia:
parlo dell'eccellente e non del goffo:
chi non sa far stupir, vada alla striglia!


Chi è l'autore di questi versi? Qual è il loro significato? Essi possono essere considerati una specie di sintesi di una importante corrente letteraria. Quale?




Posted by :


3 commenti:

Stella Sette ha detto...

Buongiorno prof.Iorio
Il poeta di questi versi è Giovan Battista Marino.
Il significato:lo scopo del poeta è stupire il lettore. ..usare anche frasi semplici ma riuscire a dare una certa importanza al contenuto con metafore che esaltano il significato.
Il poeta si rivolge all'artista che ha delle capacità di creare tutto questo.
Altrimenti in caso contrario si dovrebbe cambiare mestiere! ?? (Non sono sicura su questo)leggendo un po la storia...Penso che fosse un termine che si usava in quel periodo.
Su questo la prego di aiutarmi,grazie.
Una corrente letteraria importante di quel periodo era il marinarismo che prende appunto il nome dal più importante degli esponenti di quel periodo che era Marino nel 1600.
Buona giornata.

Enzo Iorio ha detto...

L'espressione "vada alla striglia!", utilizzata qui dal Marino, ha un significato più forte di un semplice "cambi mestiere". Quella di strigliare i cavalli, per pulirne e pettinarne il mantello, era ed è una pratica riservata agli stallieri, che a quell'epoca (XVII secolo) erano collocati a un grado molto basso della società civile. Oggi non è più così, naturalmente. Forse Marino, fosse vissuto ai nostri giorni, al poeta che "non sa far stupir" avrebbe detto di... darsi all'ippica!

Enzo Iorio ha detto...

Attenzione: il termine corretto è Marinismo e non "marinarismo". :-)

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari della settimana